Will P. (p_will) wrote,
Will P.
p_will

  • Mood:

"È Coraline. Non Caroline. Coraline."

Sooooo io, la mia sistah, harleen313 e il suo ragazzo siamo andati a vedere Coraline e la porta magica.

Co' sta pioggia e co' sto vento siamo andati nell'iper-mega-ultra multiplex Giometti qui "vicino" perchè, essendo il film in 3D, non era dato nei nostri cinema sfigati. Non era tanto un problema perchè nè io nè la sis ci eravamo mai state ed era una cosa da vedere.
Il problema è sorto quando siamo arrivati dieci minuti prima dell'inizio del film e abbiamo trovato dieci metri di fila. Un'orda di persone davanti all'unica cassa aperta per otto sale, perchè quando si è furbi si è furbi sul serio. Giometti, fail.
Quindi. Abbiamo fatto la fila PER QUARANTA MINUTI, perciò con il film iniziato da mezz'ora abbiamo deciso di aspettare lo spettacolo seguente e darci alla perdita di tempo in sala giochi. (E a quel punto hanno aperto la seconda cassa. Quando gli ultimi della fila - NOI - se ne stavano andando. Dio.)
Ho scoperto con piacere di non essere per niente arrugginita al famoso gioco Balla-saltando-sulle-frecce :D Ha un nome? Qualcosa tipo... Arrow Dancing? Comunque, quello in cui bisogna ballare seguendo le indicazioni date dalle frecce sullo schermo su improbabili musiche jpop. È l'unico sport in cui riesco decentemente :D Forse perchè ci ho sempre e solo giocato con gente che, come me, era la prima volta che montava su un accricco del genere. Queto è talento! Non abbattete le mie illusioni, su.
Poi la sis e Harl si sono sfidate violentemente a hokey da tavolo, e poi ancora Harl e ragazzo hanno giocato a Puzzle Bubble su touch screen - che è, tipo, impossibile - mentre la sis cercava di attirare passanti con cui giocare ancora a hokey e io sudavo come una bestia dopo tutto il saltellamento.
Fattasi una cert'ora siamo andati a procacciarci cibarie (e, dio, la roba che c'era in quel posto :Q_) e siamo andati a piazzarci nel nostro bel posto in sala.

Considerazioni random: gli occhiali da 3D danno un fastidio FOTTUTO sopra gli occhiali da vista. Essendo io miope ed essendo noi in ultima fila non potevo togliere gli occhiali veri o non avrei visto una mazza. È stato un travaglio.
C'era più gente di quanto im aspettassi ma comunque non tanta; prevalevano famigliole con bambini, saggi genitori che portavano i figli a vedere un sano horror movie. O, beh, più saggi di quelli che portavano i figli a vedere Un'estate ai Caraibi :|

La storia senza spoiler per chi non la sapesse: Coraline Jones è una ragazzina di undici anni, e un'esploratrice. Coraline è sveglia, curiosa, e ha due genitori troppo impegnati con il lavoro che la trattano un po' come se non ci fosse. Si trasferiscono in una nuova città, dove piove sempre e il vicinato è composto da vecchie attrici toccate, eccentrici signori russi che addestrano circhi di topi e un gatto nero, e Coraline si annoia infinitamente. Poi un giorno la porta del salotto, la porta murata del salotto, si apre su un mondo speculare ma diametralmente opposto, dove tutto è divertente e interessante, la gente non sbaglia il nome di Coraline, e ci sono due Altri genitori con dei bottoni al posto degli occhi, amorevoli e dediti che non pensano ad altro che esaudire ogni suo desiderio. E Coraline ama - adora questo posto (anche se l'Altra madre le mette inquietudine e il gatto la mette sempre in guardia) finchè non torna nel suo mondo e non scopre che i suoi veri genitori sono scomparsi. E che al di là della porta non tutto è così meraviglioso.

Anzitutto, lo stop motion è sublime. C'è un'attenzione ai particolari ridicola, il 3D è ben fatto e non è asfissiante, anzi, è usato in maniera vistosa solo in qualche scena che davvero lo richiede - e fa saltare sulla sedia. (Vero Harl? :°D)
Le ambientazioni sono amabili, così colorate e allegre e gah, ti viene voglia di andarci a vivere <3
Coraline è una piccola rompicoglioni che non può stare sul cazzo, i suoi genitori sono epici nel loro menefreghismo, l'Altra madre mette UNA PAURA FOTTUTA e la storia è deliziosa. So precious.
È un film che dovete vedere, anche non in 3D, perchè vi piacerà da matti.

...ma. Dovete anche leggere il libro. Ed avendo io letto il libro ed essendo una scassapalle puntigliosa, non posso fare a meno di paragonare.
Il libro, a mio parere, è migliore del film. Il film è bello, non lo metto in dubbio, ma (un po' per forza di cose) perde il tono da favola della storia. Perde la profondità, perde il senso del lieto fine, e perde anche un po' del tono horror della storia: quando Coraline gira per l'altro mondo è tutto eccezionale, fantasmagorico, ma anche così bizzarro da essere inquietante; nel film resta solo il fantasmagorico, lo scenico, ed è un po' un peccato perchè le scene creepy restano "solo" quelle che hanno a che fare con l'Altra madre.
[SPOILER vaghi da qui in poi!] Non mi è piaciuto che hanno tagliato tutte le scene col gatto. Diciamocelo, il gatto era il mio personaggio preferito. A parte la resa - io me l'immaginavo più rotondo... o meno uscito da una centrifuga, ma questi son gusti personali e, come dice la sis, "doveva essere un gatto randagio" - hanno tagliato tutti i pezzi migliori. Il "voi umani avete un nome perchè non sapete chi siete. Noi gatti sappiamo chi siamo, perciò il nome non ci serve" che è la mia citazione PREFERITA dal libro. E nel libro ci mettono di più a fare amicizia, lui e Coraline, nel film il gatto è socievole mentre nella storia dimostra effettivamente di tenere a Coraline solo dopo che lei ha fatto vedere di tenere a lui. C'è lo scambio con l'Altra madre su "Hai portato un parassita" "No, ho portato un amico" e in quel momento io stavo stringendo le mani al cuore e piagnucolando e mandando cuoricini da sotto i doppi occhiali, ma non c'è il pezzo in cui il gatto si accorge di essere intrappolato nel mondo parallelo perchè non ci sono più le altre uscite e da sardonico e superiore diventa piccolo, indifeso, impaurito, e Coraline se lo stringe al petto e lo sente tremare - è stato il punto del libro che mi ha fatto cedere e mi sono ritrovata a piangere come una fontana su righe e righe di amore felino. Mi sta venendo da piangere pure adesso.
Insomma, era una scena che poteva starci e secondo me DOVEVA starci.
Inoltre, non so se sono convinta da Whyborn. Nel film, Whyborn è questo ragazzino strano "padrone" del gatto (sul serio, WHAT?!) che mette nei guai Coraline ma poi la tira fuori d'impaccio. Come personaggio, è affascinante, il bambino un po' strano e un po' emarginato ch sembra sempre avere questo velo di tristezza. Quello che non mi piace è che, alla fin fine, Whyborn saves the day tirando fuori Coraline dal pozzo e distruggendo l'ultima risorsa dell'Altra madre. Coraline era perfettamente in grado di farcela da sola nel libro, grazie tante >_>
Altri pezzi che se c'erano non davano per niente fastidio alla trama/mi piacevano di più nel libro: il giuramento dell'Altra madre sulla sua mano destra; il passaggio da un mondo all'altro che non è un corridoio da una porta normale ma un... tubo di gomma da una porticina; tutto quel fottio di palle di vetro con la neve quando nel libro è proprio perchè non ce n'era nemmeno una che Coraline scopre e salva i genitori; servivano più topi canterini, che facevano paura; il fatto che i bimbi nello specchio le dicano di cercare i loro occhi e non le loro anime; l'altro padre di Coraline che sembra molto passivo nel suo "oooh non ti voglio fare del male è Lei" quando nel libro è una cosa tristissima (nel film questa parte tristissima di vorrei-aiutarti-ma-mi-è-impossibile ce l'ha l'altro Whybe).

PERÒ adesso non voglio darvi l'impressione che tutte le differenze dal libro siano orribili, o negative.
La trovata della bambola di pezza che muta forma nel tempo per spiare di volta in volta le vite tristi dei bambini è geniale e terrificante; che la nonna di Whybe abbia perso la sorella così e che non affitti la casa a famiglie con figli (perchè SA!) è ancor più noir.
Il giardino è una bella trovata solo perchè è tanto carino X3
L'eclissi di luna con l'ombra del bottone mette una strizza incredibile. Il fatto che la sfida trovatutto fosse a tempo mi perplime ma l'eclissi, really.
L'Altra madre FA PAURA, YOU GUYS. Penso che sia la cosa resa meglio in tutto il film *_* La mano di aghi, poi, è più inquietante della mano d'osso del libro (anche se nel libro la mano È ASSETATA DI SANGUE). E la scena nella rete di ragno, totalmente inventata, merita.

Insomma, bel film. Vedetelo o vi spammerò la flist con commenti sui gatti di Neil Gaiman finchè non vomiterete fluff e palle di pelo
Voglio il dvdddd! X3
Tags: film, misc: !!!!!, real life, recs
Subscribe
  • Post a new comment

    Error

    default userpic
  • 0 comments